Vai alla Home page
martedì 30 settembre 2014 Fai diventare questo sito la tua Home Page Aggiungi questo sito tra i tuoi preferiti Contattaci Ricerca nel sito RssFeed Facebook Twitter
In questo canale
Ultime notizie
Spazio

Home Page > Spazio > Universo > L'universo in fuga

mercoledì 12 ottobre 2011
L'universo in fuga
Il Nobel alla scoperta che l'accelerazione del cosmo sta aumentando

Lo statunitense Saul Perlmutter, l'americano-australiano Brian Schmidt e lo statunitense Adam Riess sono i tre sceinziati che si sono aggiudicati il Premio Nobel per la Fisica per i loro studi sull'accelerazione dell'espansione dell'universo.
«Hanno studiato diverse decine di stelle esplodenti, chiamate supernovae, e scoperto che l'universo si sta espandendo a un ritmo sempre più rapido. La scoperta è arrivata in maniera assolutamente sorprendente, persino per gli stessi vincitori», spiega », spiega la motivazione pubblicata da Comitato per il Nobel dell'Accademia reale svedese per le scienze.
Così  corriere.it racconta chi sono: "Saul Perlmutter, è nato nel 1959 a in Champaign-Urbana e nel 1986 si è laureato nell'università della California a Berkeley. Attualmente dirige il progetto sulla cosmologia e le supernoave e insegna astrofisica nel Lawrence Berkeley National Laboratory. Brian P. Schmidt, è cittadino australiano e americano. Nato nel 1967 negli Stati Uniti, a Missoula, si è laureato nel 1993 ad Harvard. È a capo del Gruppo di ricerca sulle supernove High-z e insegna nell'Università nazionale australiana a Weston Creek. Adam G. Riess, è nato nel 1969 a Washington e si è laureato nel 1992 al Mit e ha preso il PhD nel 1996 ad Harvard. Attualmente insegna astronomia e fisica nella Johns Hopkins University e nello Space Telescope Science Institute di Baltimora". Perlmutter si porterà a casa il 10 dicembre la metà del premio, mentre i suoi due colleghi dvranno dividersi l'altra metà.

La scoperta dell'accelerazione dell'espansione dell'universo è stata una delle grandi sorprese della cosmologia degli ultimi decenni. Gli scienziati se ne sono accorti osservando delle particolari stelle, le supernove, che poi sono in reltà stelle in esplosione alla fine della loro vita, delle quali conoscono bene la luminosità. Siccome la luminosità cambia se la stella si sta muovendo e cambia secondo un rapporto preciso con la velocità di movimento, a un certo punto si è capito che le supernove si stavano allontanando da noi più rapidamente del previsto. E non solo: la velocità di espansione dell'universo è addirittura variabile nel tempo.

Questo bel video, realizzato dall'America Museum of  Natural History è un aiuto prezioso per capire bene di che cosa si tratta e come sono realizzati gli studi. Lo abbiamo tradotto e sottotitolato per voi.





A un certo punto lo scienziato che parla nel video, Alex Filippenko, dell'Università di Berkeley, dice che oggi quasi tutti sono d'accordo con questa teoria. E' vero. Ma non proprio tutti. Per esempio Margherita Hack così ha commentato il Nobel con REpubblica: "Se si confermasse la validità della scoperta il premio sarebbe certamente meritato - spiega la Hack - ma ho dei dubbi su misurazioni effettuate su corpi celesti così lontani, oltre sei miliardi di anni luce. Tra qualche decennio, o forse anche meno, con strumenti più precisi si potrebbero trovare errori di misura sulla distanza delle supernove che potrebbero far crollare tutta la teoria. Di certo quella dell'espansione accelerata è una tesi affascinante, che ha contraddetto quello che si pensava prima, e cioè che dopo il Big Bang l'espansione dell'universo rallentasse per via della forza di gravità, tanto da portare in un futuro addirittura a un 'Big crash', cioè a un ripiegamento di tutta la materia su se stessa".





Salva questo testoSegnala ad un amicoStampaTorna alla pagina precedente
Videoscienza Sito dell'Associazione culturale Videoscienza - Testata giornalistica online, registrazione al Tribunale di MIlano n. 775 del 30/12/2008
Via Tintoretto 8, 20145 Milano (MI), Tel. 02 4694439 info@videoscienza.it P.Iva 05998140965 Iscritta alla CCIAA di Milano, REA MI-1876458
VideoScienza - P.Iva 05998140965 Iscritta alla CCIAA di Milano, REA MI-1876458 - Ver. 1.0 - Copyright © 2014 VideoScienza - Privacy policy - Powered by Soluzione-web