Vai alla Home page
sabato 25 ottobre 2014 Fai diventare questo sito la tua Home Page Aggiungi questo sito tra i tuoi preferiti Contattaci Ricerca nel sito RssFeed Facebook Twitter
In questo canale
Ultime notizie
Spazio

Home Page > Spazio > Universo > La stella più antica mai scoperta

mercoledì 11 novembre 2009
La stella più antica mai scoperta
Un gruppo di ricerca italiano ha scoperto l'oggetto più lontano dell'Universo

Erano trascorsi appena 600 milioni di anni dal Big Bang e dunque l'Universo era ancora assai giovane. E a quel momento risale, per quanto ne sappiamo oggi, la più antica traccia di una stella. Il suo nome è GBR 090423 e la sua esplosione, registrata dal satellite Swift, avvenne 13 miliardi di anni fa.
La scoperta, pubblicata su Nature, è stata fatta dal team italiano di ricerca coordinato dal professor Chincarini dell’Università di Milano-Bicocca.

Non sappiamo quando la stella si formò, ma sappiamo che in quel momento morì. Così GBR 090423 è l'oggetto astrofisico più distante, e quindi anche più antico, che sia stato mai osservato.

GBR090423 (Gemini Observatory)La stella (nell'immagine a sinistra ripresa dal Gemini Observatory, dove si trova anche un interessante approfondimento sulla scoperta)aveva una massa tra le 20 e le 50 volte superiore a quella del nostro sole.

La scoperta è stata effettuata grazie ai dati inviati a terra dal satellite Swift, dedicato alla registrazione e alla localizzazione delle esplosioni di raggi gamma, i "gamma ray burst", che segnalano la morte di stelle di grande massa.
 
Swift, messo in orbita nel 2004 da Italia, Stati Uniti e Gran Bretagna, vede circa 100 "burst" all'anno e ha dato un grande contributo alla conoscenza di questi fenomeni poco conosciuti prima.

La distanza precisa della stella è stata misurata in collaborazione col gruppo CIBO (Collaborazione Italiana Burst Ottici) grazie al Telescopio Nazionale Galileo, situato alle isole Canarie e controllato a distanza dall'osservatorio di Merate.

Del gruppo di ricerca italiano fanno parte il professor Guido Chincarini, del Dipartimento di Fisica dell'Università di Milano-Bicocca, in qualità di "Principal Investigator", e Raffaella Margutti, studentessa del Dottorato di ricerca in Fisica e Astronomia.


Salva questo testoSegnala ad un amicoStampaTorna alla pagina precedente
Videoscienza Sito dell'Associazione culturale Videoscienza - Testata giornalistica online, registrazione al Tribunale di MIlano n. 775 del 30/12/2008
Via Tintoretto 8, 20145 Milano (MI), Tel. 02 4694439 info@videoscienza.it P.Iva 05998140965 Iscritta alla CCIAA di Milano, REA MI-1876458
VideoScienza - P.Iva 05998140965 Iscritta alla CCIAA di Milano, REA MI-1876458 - Ver. 1.0 - Copyright © 2014 VideoScienza - Privacy policy - Powered by Soluzione-web